APQ

Secondo la Legge 662/1996 art. 2, comma 203 lett. c), l’Accordo di Programma è lo strumento della Programmazione negoziata attraverso il quale le Amministrazioni centrali, le Regioni, gli Enti Locali, altri soggetti pubblici ed operatori privati definiscono e attuano opere, interventi o programmi di intervento complessi la cui realizzazione necessiti dell’azione integrata e coordinata dei soggetti sottoscrittori. L’Accordo di Programma contiene le attività e gli interventi da realizzare, i tempi e le modalità di attuazione, le responsabilità assunte dai vari attori partecipanti e gli adempimenti procedurali necessari, individua i soggetti responsabili dell’attuazione delle singole attività e interventi, del monitoraggio e della verifica dei risultati; definisce i procedimenti di conciliazione tra i soggetti partecipanti e stabilisce le risorse finanziarie occorrenti per le diverse tipologie di intervento. Per la Regione Siciliana, in particolare, l’Intesa Istituzionale di Programma tra il Governo della Repubblica e la Giunta Regionale Siciliana – approvata dal CIPE il 6 agosto 1999 e stipulata il 13 settembre 1999 – ha individuato i programmi di intervento nei settori di interesse comune, da attuarsi prioritariamente attraverso la stipula di Accordi di Programma Quadro e ha dettato i criteri, i tempi e i modi per la sottoscrizione degli Accordi stessi al fine di perseguire l’obiettivo del superamento della perifericità territoriale della Regione Siciliana e della riduzione del connesso svantaggio competitivo del sistema regionale. Gli Accordi di programma stipulati in attuazione dell’Intesa Istituzionale di Programma tra il Governo della Repubblica e la Giunta Regionale Siciliana del 13 settembre 1999 sono i seguenti: